venerdì 21 dicembre 2007

Violenza e videogiochi o violenza ai videogiochi?



Solo due parole sulla vicenda riportata ieri dai media:
i soggetti in questione, due ragazzini ambosessi di 16-17 anni, hanno ucciso di botte la sorellina di una dei due. Si difendono dicendo di non ricordare perchè erano ubriachi. E la colpa è di Mortal Kombat?
Ho capito che gli adolescenti sono suggestionabili, ma il problema mi sembra davvero un altro......
Anche il tipo che un pò di tempo fa uscì di casa dopo aver giocato a GTA (adulto, vaccinato e maggiorenne) e si mise a rubare auto e sparare in giro non ci stava troppo con la testa....
Voglio dire che  non sono i videogiochi: ai pazzi li influenza anche una televendita alle 14.30 in TV.
Ma la colpa è di Mortal Kombat (che poi, voglio dire, non è che deceni di partite a Street Fighter abbiano mai provocato tragedie).........


Blogged with Flock

venerdì 14 dicembre 2007

Le mele che vorrei...

[via 24minuti di ieri]


È definitivamente questo il tipo di tecnologia che mi affascina di più: ristrutturare l'approccio alle cose quotidiane. Mi fa tanto Casa Prossima Futura.
E c'è da dire che anche il design di questi fantastici telecomandi a forma di mela, e soprattutto del piattello che serve per ricaricarli, ricorda da vicino l'esperienza domotica della Philips.
Nonostante si possa obiettare che il progetto dell'azienda olandese risalga agli inizi degli anni '90, e che quindi le velleità della domotica siano state uccise dall'insuccesso di mercato, va considerato che oggi l'individuo medio è circondato da molta più tecnologia di un tempo, e che quindi l'introduzione di questi generi di gadget sarebbe sicuramente più indolore di quanto avrebbe potuto essere allora.
Norman e Marzano, fra gli altri, ci hanno insegnato come intraprendere la via del design ergonomico, piacevole ed emozionale, mentre la Apple ha mostrato come il buon design sia un asset immateriale decisamente spendibile anche sui mercati di massa.
Piccola chicca finale sulle meline: ruotandole a destra e sinistra si alza ed abbassa il volume......che figata

Blogged with Flock

giovedì 13 dicembre 2007

Tristissima ultim'ora

[via BoingBoing]
http://www.paulkidby.com/news/index.html

Lettera di Terry Pratchett, inventore di Discworld (e della relativa serie di libri)

Folks,

I would have liked to keep this one quiet for a little while, but because of upcoming conventions and of course the need to keep my publishers informed, it seems to me unfair to withhold the news.  I have been diagnosed with a very rare form of early
onset Alzheimer's, which lay behind this year's phantom "stroke".

We are taking it fairly philosophically down here and possibly with a mild optimism.  For now work is continuing on the completion of Nation and the basic notes are already being laid down for Unseen Academicals. All other things being equal, I
expect to meet most current and, as far as possible, future commitments but will discuss things with the various organisers.  Frankly, I would prefer it if people kept things cheerful, because I think there's time for at least a few more books yet :o)

PS  I would just like to draw attention to everyone reading the above that this should
be interpreted as 'I am not dead'.  I will, of course, be dead at some future point, as
will everybody else.  For me, this maybe further off than you think - it's too soon to tell.
I know it's a very human thing to say "Is there anything I can do", but in this case I
would only entertain offers from very high-end experts in brain chemistry.


Io triste......sigh

Blogged with Flock

80211si 80211no....Parigi val bene un hotspot?

http://punto-informatico.it/p.aspx?i=2140034

"Secondo Stéphane Kerkhove di Agir pour l'Environnement è vero che non si può affermare con certezza che il WiFi è pericoloso ma esisterebbe una relazione tra quel genere di emissioni e quelle di un forno a microonde."

Ma anche questi di 'ste associazioni, le dicessero chiare le cose!
"Esisterebbe una relazione", è l'uso del condizionale che mi sembra assurdo: o c'è o non c'è, e di che tipo è?
Una relazione c'è: la frequenza di funzionamento (2.4-2.5 Ghz). Come risposto dal capo ufficio stampa del Comune di Parigi, però, ben altra cosa è la potenza, generalmente tra i 0 e i 100 mW (milliwatt) per l'802.11g, tra gli 800 ed i 1200W (watt) il forno.
Al posto di tante chiacchiere si sarebbe potuto cominciare uno studio serio già anni fa (vista l'affinità in frequenza dei due strumenti) per capire se, nel lungo periodo, vi sia un riscaldamento dei tessuti (NEL LUNGO PERIODO, stendiamo un velo su "Non ho mai notato onde di calore vicino a dei terminali WiFi" che fa ridere).
My two cents: ...e le antenne a microonde che si usano per i più vari scopi (uno su tutti la trasmissioni dei servizi televisivi dalle troupe in remoto alla sede centrale)? E la gente che vive vicino agli stabilimenti RAI?
Mah.. (ma quanti post di questo blog finiscono con mah?)

Blogged with Flock

mercoledì 12 dicembre 2007

La sag(r)a del nano continua

[dall'ANSA]

http://www.ansa.it/opencms/export/
site/visualizza_fdg.html_40049618.html

http://www.ansa.it/site/notizie/awnplus/
/ticker/news/2007-12-12_112163417.html


Se la caverà anche stavolta?
Il particolare che mi fa inorridire più di tutto è che, se è vero quanto riportato da ANSA E Repubblica, il governo Prodi rischia di cadere per l'ennesima attricetta stupida lanciata da politici............nani, nani e ballerine, così è e così sarà

[...]Fra l'altro, secondo il giornale, Berlusconi avrebbe segnalato a Saccà i nomi di quattro candidate attrici, una delle quali -scrive 'la Repubblica'- "gli sarebbe stata segnalata da un senatore del centrosinistra che gli può venire utile per fare cadere il governo Prodi".[...]

Blogged with Flock

lunedì 10 dicembre 2007

Luttazzi non trova pace...

Povero Luttazzi..
è uno dei comici che più stimo, e che offre performance eccezionali ogni volta che gli permettono di farlo.
Ed è ancora una volta fuori per quel panzone di Ferrara.
Peccato ; solidarietà a Daniele Luttazzi, spero che riprenda presto...e dire che fino a ieri la politica di la7 mi piaceva (anche se, in effetti, la presenza di Ferrara mica è una bella cosa)

http://www.youtube.com/watch?v/
EeeAKmhNiWQ&l=50&t=OEgsToPDskJscDhUk3lD6OypHsNwKxQC&sk
=OOVVCKsXmVNNivBBfxxKFwU&sourceid=r

http://punto-informatico.it/p.aspx?i=2136789
http://www.repubblica.it/2007/12/sezioni/spettacoli_e_cultura/luttazzi/luttazzi/luttazzi.html
http://www.danieleluttazzi.it/node/317
http://www.danieleluttazzi.it/node/318
http://www.danieleluttazzi.it/node/319

Blogged with Flock



EDIT:
In questo post sul blog di pallotron qualche condivisibile opinione sulla faccenda

sabato 1 dicembre 2007

More from Youtube

Un altro video da Youtube, parecchio carino, su neo1973 (il cellulare con OpenMoko Embedded Linux), con annessa citazione da Matrix.....

(Niente embed.....a mio parere due video su una pagina sono già troppi)

Blogged with Flock

Untitled

Embedded Video


Trovo questa pubblicità di IBM su Linux del 2003 davvero fantastica.....
What he knows we al know
what he knows we all benefit from
[...]
His name is Linux


EDIT: Uff, mi hanno tolto il video...beh, comunque se qualcuno lo volesse vedere basta cercare su Youtube "IBM linux commercial" o "IBM linux ad"

venerdì 30 novembre 2007

Cospirazioni e complottismo

E io sarei il pazzo complottista??
Ma al capoGladio qui, nessuno gli dice niente?

Tra l'altro se fosse vera sarebbe davvero clamorosa......

(a parte il fatto che, sulle torri, per una volta io ed un ex-presidente della repubblica siamo d'accordo)

Blogged with Flock

giovedì 29 novembre 2007

Questa poi non me l'aspettavo proprio....

Tristemente devo linkare Micro$oft......o meglio il curriculum di tal Umberto Paolucci, Presidente M$ Italia.
A parte il sorriso di plastica, mi piacerebbe sapere se è un caso il fatto che sia anche Presidente di ENIT, l'ente nazionale per il turismo, per intenderci, uno degli attori principali del fallimento di Italia.it.......
Misteri Italiani.Umberto Paolucci

Blogged with Flock



[via Punto-Informatico; thanks Lorenzo 2]

mercoledì 28 novembre 2007

Geek??

Omigod....Geek si pronuncia "ghiik".....è quasi peggio di Jedi (che i traduttori dei nuovi StarWars ci hanno fatto sapere, dopo 20 anni di abitudine, che si pronuncia "Gedài")......Potrebbe essere l'inizio della fine della mia affezione per questa parola....

Blogged with Flock

Futur-what?

Questa giornata stercolario (per non dire di m****) forse sta migliorando:
TORNA FUTURAMA!!!!!!!!

Sono il bimbo più felice sulla terra....



Blogged with Flock

Voglio l'iPhone!!

E mica mi faccio sfuggire l'occasione di vincere un Iphone!
The Apple Lounge, sito nostrano dedicato alle diavolerie di Mr.Jobs & Friends ha indetto un concorso per blog ; al vincitore un fantastico Apple iPhone (o Iphone?)


Vincerò? Vincerò? (Credo di no....mai vinto niente in vita mia)

Blogged with Flock

Guardate qua....

Hirst lo faceva con gli animali (tagliarli e metterli sotto resina, intendo....), qualcuno l'ha fatto con l'iPod......Amazing!
E funziona pure!
[via BoingBoing]

Blogged with Flock

sabato 24 novembre 2007

Dal sito Telethon.....

Embedded Video

Commovente..... speriamo che la ricerca progredisca in questo senso anche per gli esseri umani

Blogged with Flock

venerdì 23 novembre 2007

Arrivederci Volpe di Fuoco

Ho appena installato Flock ..... ed è un'esperienza del web sociale davvero piacevole!
Sto scrivendo questo post da una finestra ad-hoc aperta dal browser, che si è premurato di raccogliere la mia login di Blogger e di incorporarla in se (come quella di Twitter, oltretutto). All'avvio ha preso i miei preferiti da Firefox (quasi) senza problemi, con un semplice link simbolico ho attivato gli stessi plugin (che funzionano, essendo basato sullo stesso Gecko, il motore di Firefox), ci sto mettendo pure le stesse estensioni di Firefox, con cui è pienamente compatibile, ed il mio processore e la mia RAM non sono mai state così libere.........e che vuoi di più....
Come già detto in precedenza, mi ero decisamente stufato dell'avidità di RAM e della propensione al crash di Firefox, specie con molti tab aperti, nonostante lo utilizzi dalla 1.0 su Window$; e dopo aver letto quest'articolo su TechCrunch a proposito della prima Beta del Volpone nonn ero affatto contento. Ma in quello stesso articolo si mette a confronto il prodotto Mozilla con il suo cuginetto "sociale", e, dopo qualche ricerca eccomi qui a pubblicare da quello che penso che sarà il mio nuovo browser d'elezione......
Grazie Mozilla Foundation, mi avete regalato anni di navigazione eccellente e libera, mi avete insegnato per primi il significato di open-source, liberandomi nel frattempo dalle grinfie della Torre Nera di Redmond, ma le nostre strade si separano qui....almeno fino a quando Firefox non tornerà ad essere efficiente come una volta....
Benvenuto Flock!

giovedì 22 novembre 2007

E-book reader

Premetto che aspettavo l'evoluzione di questo genere di dispositivi da secoli, ma che purtropp il prezzo mi terrà lontano ancora per un pò (sebbene il wifi li renda davvero prodotti appetibili)
Volevo solamente fare un piccolo confronto tra gli ultimi nati del settore, per muovere una critica al reader prodotto da Amazon;


Kindle è davvero brutto, ed in più, rispetto al concorrente più recente, Cybook 3G, pare davvero "clumsy"... Sembra quasi uscito da una puntata di un telefilm anni '80!

Il sogno si realizza

Chi, come me, si sia trovato a dover utilizzare un logo di un cliente, senza avere uno straccio di file vettoriale per ridimensionare senza perdite di qualità, sa quanto sia noioso, e spesso time-consuming, dover "ricalcare" un'immagine raster.
Ma da oggi c'è Vector Magic..... converte immagini raster in vettoriali, ed il risultato, per una volta è pressocchè perfetto; dimenticavo, è online.....

[found via boingboing]

martedì 20 novembre 2007

Liberarsi di Youtube

Io sono un discreto sostenitore dei concetti retrostanti il Web 2.0, pur detestando questa denominazione, ed in primis dei contenuti generati dagli utenti e dei social network. Per queste ragioni mi piace molto quello che è diventato Youtube in termini di diffusione e di viralità del mezzo.
Il problema è, però, che è diventato un mezzo alquanto standardizzato per offrire contenuti video, grazie anche alla semplicità di integrazione ed alla gratuità, lasciando un'inconfondibile "impronta" in tutti quei siti o blog che abbiano fatto uso dell'utile stringa di embed fornita dal portalone video. Siamo al punto che, nella necessità di embeddare un video nella propria pagina web, si tende a preferire la creazione di un account Youtube per l'upload del video, soluzione certamente più agevole e meno onerosa dei vari software di streaming che ci sono in giro.
Fortunatamente è arrivato FlowPlayer, gratuito e gestibile tramite API

FlowPlayer is a free Flash media player. You can easily embed it into HTML pages to play video and audio files. FlowPlayer supports progressive downloading and true streaming.


Appena posso lo provo....
[found via www.vitadiunsysadmin.net]

venerdì 16 novembre 2007

Sense and simplicity

Il ben noto claim della Philips è ideale per descrivere il fantastico Wiki On A Stick..
Si tratta di un personal wiki interamente contenuto in un file, utilissimo nella creazione e gestione di una knowledge base, ovvero di un insieme di contenuti. Trattandosi di un solo file XHTML+Javascript (quindi client-side) è¨portabile (anche su una memory stick, da cui il nome), facilmente editabile (anche nel template), e, soprattutto, dotato di un motore di ricerca interno. Supporta la crittografia AES con password, per cui rappresenta una soluzione ideale per la pubblicazione on-line. Purtroppo utilizza un tipo di formattazione tipico dei wiki, per cui la conversione di contenuti precedenti potrebbe risultare macchinosa, ma rappresenta uno strumento sicuramente utile e flessibile.

Il link al wiki del progetto: http://stickwiki.sourceforge.net/
Il link per il download: http://sourceforge.net/projects/stickwiki/
Un piccolo how-to per le operazioni basilari: http://cplus.about.com/od/thebusinessofsoftware/ss/woas_3.htm

Thumbs Up!

EDIT: provato, e purtroppo non è proprio il massimo: per piccole collezioni di dati e/o appunti può anche andar bene, all'aumentare dei materiali ogni operazione diventa paragonabile ai tribunali italiani (una velocità poco superiore allo zero)..... Peccato, l'idea è molto buona; proverò gli altri personal wiki che si trovano in giro, alla ricerca di uno che combini la medesima semplicità di gestione con prestazioni perlomeno decenti

lunedì 12 novembre 2007

Dal banco di paranoie in cui mi sono arenato....



Uhuhuhuh.....vorrei proprio sapere cos'è sto xkcd

[via boingboing]

mercoledì 31 ottobre 2007

Solite boiate

Secondo questo quiz sulle religioni sarei agnostico......ci può stare......

You scored as Agnosticismo

Qual è la religione giusta per te? (translated version for Italian users)
created with QuizFarm.com





Il tuo risultato è... agnostico.
Sei un agnostico. Sebbene è generalmente riconosciuto che gli agnostici non credono nell'estistenza di Dio nè nella sua non esistenza, è possibile per un agnostico essere anche deista o ateo. In realtà gli agnostici non conoscono nè pretendono di sapere se Dio esiste o no, ma possono ammettere che qualcun'altro lo sappia. Un agnostico intellettualmente onesto si schiererebbe su questa posizione, dato che non ha più prove per giustificare l'impossibilità di conoscere Dio di quante ne abbia della sua esistenza.


Agnosticismo


95%

Ateismo


90%

Paranormale


70%

Paganesimo


60%

Buddismo


55%

Satanismo


55%

Induismo


45%

Confucianesimo


30%

Islam


25%

Cristianesimo


15%

Ebraismo


0%


Le gioie della shell

Mi sto finalmente dedicando, passettino dopo passettino, alla scrittura di script per la Bash sulla mia Kubuntu 7.04 (7.04 ancora per poco?)

Felice del risultato posto qui il mio codice, sperando di essere utile a qualcuno (dagli errori altrui si impara sempre)

In realtà non sono troppo convinto che questa sia la procedura più snella e/o veloce per far ciò, ma sono molto felice di aver ottenuto quello che volevo (imparando nel frattempo a ridirezionare non solo lo stdout, ma anche lo stderr in /dev/null [il mio nuovo eroe])

Lo script si chiama ra2mp3.sh, e serve (ma va?) a convertire più file RealAudio (.ra) in .mp3 senza fatica. Richiede la presenza di mplayer e lame, oltre che ovviamente dei realcodecs (che credo siano inclusi nel package .deb w32codecs, almeno sotto (K)Ubuntu)

#!/bin/sh
echo "Inizio conversione files dal formato RealAudio (.ra) al formato .mp3 ..."
echo "Attenzione: l'operazione potrebbe richiedere diversi minuti"
current_directory=$( pwd )
#convert .ra files in .wma files
for i in *.ra
do
echo "inizio la conversione di $i in $(basename $i .ra).wav...attendere..."
mplayer "$i" -ao pcm:file=$(basename $i .ra).wav -vc dummy -vo null -really-quiet > /dev/null 2> /dev/null
echo "$i in .wav ok"
done
# convert.wav files in .mp3 files using [-m s] for stereo
for i in *.wav
do
echo "inizio la conversione di $i in $(basename $i .wav).mp3...attendere..."
lame -m s --quiet $i $(basename $i .wav).mp3 > /dev/null
echo "$i in .mp3 ok"
done
# rimozione wav residui
for i in *.wav
do
rm $i;
done
mkdir mp3
mv *.mp3 mp3/
echo "Conversione completata.I file .mp3 sono ora nella sottocartella ../mp3/"


Great Bash!
Excelsior

(ma per indentare nel blockquote come faccio??)

martedì 30 ottobre 2007

Skatafascio

La febbre ed il disgusto, ma forse anche un vago senso di inutilità, viste le poche visite ed i 0 commenti, mi hanno tenuto lontano da queste pagine....

Ma voglio continuare a scrivere, se non altro per me, per rimanere lucido e concretizzare il pensiero:

Non c'è limite al peggio.....
In questo paese ormai lo strapotere delle organizzazioni economiche e la sudditanza, incompetenza ed arroganza della classe politica hanno raggiunto livelli veramente da brivido.....
Sarà l'autunno-inverno alle porte, ma in questi giorni vedo davvero tutto nero: di fatto, sul fronte politico, non c'è una buona notizia da anni ormai. Riporto solo i link della vergogna, magari li commenterò ad uno ad uno nei prossimi post, anche se credo che non sia necessario......

http://www.rai.tv/mpplaymedia/0,,RaiTre-Report%5E23%5E37208,00.html


http://punto-informatico.it/p.aspx?i=2102661

http://www.beppegrillo.it/cgi-bin/mt-tb.cgi/728.1285114642

http://www.corriere.it/politica/07_ottobre_25/Ponte_maggioranza.shtml (è di qualche giorno fa, ma il fatto che il Governo sia andato sotto su una società che non serve a nulla e che non fa nulla, a parte alimentare clientele è davvero allucinante)

http://www.beppegrillo.it/cgi-bin/mt-tb.cgi/725.1285012849

http://www.repubblica.it/2007/10/sezioni/esteri/benedettoxvi-17/aborto-farmacisti/aborto-farmacisti.html


Un solo commento:
Disgustorama

lunedì 15 ottobre 2007

Gestione di progetti web per le PMI

Segnalo quest'articolo da www.businessonline.com a firma di Leandro Agrò.
Lo trovo molto interessante perchè propone una soluzione ad una situazione problematica che ho avuto modo di osservare poco tempo fa, per fortuna non essendone coinvolto direttamente: la gestione di un progetto Web in un'azienda o soggetto che si occupa di tutt'altro, ma che impiega un gran numero di persone divise in aree, si trova a dover rappresentare le istanze di tutti i dipartimenti, risultando spesso in un'incoerenza di obbiettivi che spesso si concreta in una presenza digitale disordinata, poco utile e perdipiù esteticamente mediocre. Manca, per dirla in sintesi, un punto di vista privilegiato, globale ed unificante sul progetto nel suo insieme, sul suo ciclo di vita complessivo, o Lifecycle.
Il metodo Zefer, rivisitato dal nostrano Agrò, pur essendo vestigia di una società di business consulting del tempo delle dotcom ormai defunta, rappresenta un interessante tentativo di dare sostanza al contributo di ognuno: similmente alla task analysis "fatta coi foglietti", in cui tutte le possibili azioni di un utente ipotetico vengono segmentate proceduralmente, consentendo di trovare eventuali "buchi" in un'interfaccia, si prepara un cartellone in cui le colonne rappresentano le fasi del progetto,

-ENVISION, fase in cui si crea il documento di Brief che raccoglie TUTTE le istanze a cui il sito dovrà rispondere e che tiene conto soprattutto della strategia aziendale, del posizionamento sul mercato, dei tipo di target, del brand, etc
- ARCHITECT, fase in cui i progettisti devono "tradurre" le direttive del brief in una serie di attività concrete e ben pianificate ed orchestrate. Ad esempio, in questa fase vanno: redatti ed organizzati i contenuti; individuate le opportune soluzioni tecniche; scelte le features di dettaglio; regolamentati tutti i processi che porteranno -nelle fasi successive- alla realizzazione del sito.
- BUILD, fase di realizzazione tecnica
- LAUNCH, fase di lancio del sito (determinante per il successo dello stesso che vi sia una opportuna azione di marketing e comunicazione)
- MANTEINANCE, fase di mantenimento in cui va previsto un opportuno meccanismo di "evoluzione".

mentre le righe, in numero variabile,
rispondono al tentativo di "bilanciare" i diversi contributi: "tecnici", "strategici", di "design", sia per competenza che per fase di sviluppo del progetto
e sono destinate a contenere dei post-it con i suggerimenti e le istanze di tutti i soggetti che ne abbiano necessità. Questa ripartizione aiuta a vedere il progetto come processo iterativo e ripartito organicamente tra tutte le aree interessate.
Completa lo strumento una timeline con scadenze e milestone.
Anche se questa rappresentazione NON rappresenta un GANTT di progetto (che è invece uno dei documenti che va prodotto in fase di "architect") esistono "n" occorrenze per le quali è' il caso di porre una annotazione sulla linea del tempo. Così come può essere utile COLLEGARE POST-IT appartenenti a fasi diverse del progetto, per evidenziarne il legame e la necessità di far collaborare le persone coinvolte nelle diverse fasi.


Buona lettura!

sabato 13 ottobre 2007

Proprio quando pensi che l'usabilità è preoccupazione comune....

[via 90% of everything]

Riuscite a scovare gli 8 difetti di usabilità nel sito dello Zune?

Stay tuned after the break

Toh, ma guarda che coincidenza!

Giusto qualche giorno fa quel farfallone di Ballmer abbaiava il suo credo patent-based contro Red Hat e l'open-source e, guarda un pò, ieri la IP Innovations, una sussidiaria della Acacia Technologies, e la Technology Licensing Corporation, hanno fatto causa a Red Hat e Novell per infrazione di brevetto, udite udite per

"User interface with multiple workspaces for sharing display system objects"

Ora, a parte che, come riporta sempre news.com, fonte della notizia, a proposito della Acacia Technologies
Brad Brunell joined the company this month as senior vice president after 16 years at Microsoft, including general manager of intellectual property licensing, and Jonathan Taub, who joined in July as vice president after leaving Microsoft as director of strategic alliances for the company's mobile and embedded devices division.

ma dimmi tu se questo non è un esempio di come i brevetti software fermano il progresso tecnico, visto che Linux è l'unico sistema operativo i cui ambienti grafici offrono di default più workspaces?

Bah, vedremo come va a finire, anche se la cosa mi puzza parecchio

Spazi tridimensionali

Una delle dimostrazioni delle enormi potenzialità di Flash, e della creatività di molti designer, sono gli ambienti virtuali tridimensionali fatti con il framework di Adobe:

- http://rssvoyage.com [via infosthetics]
- www.interfase.it [via zenoid.org] (grande zenoid)

venerdì 12 ottobre 2007

Herr Fritz und die Handy Telefon

Questa mi giunge davvero nuova.....

[da Punto Informatico]

VIA Technologies ed ARM, che producono i chip destinati ai PDA ed ai telefoni cellulari, hanno già da alcuni anni il loro bravo Fritz-in-the-Core (cioè un invisibile TPM "annegato" nella circuiteria della CPU). I loro chip vengono già utilizzati in questa forma da tempo e sono quindi la fonte di una prima, insidiosa diffusione dei Fritz Chip nel nostro ecosistema digitale [...]


fortunatamente, però

Sui PDA è quasi impossibile installare qualcosa che sia degno di una protezione anti-utente attuata via TPM. L'interesse per questa feature resta quindi abbastanza basso da parte dei produttori.

apriamo comunque gli occhi per il futuro va....

--- In tedesco telefono cellulare si dice Handy?????? Ma è vero o è solo Google Translate che mi prende in giro???? -------------------

giovedì 11 ottobre 2007

Berkeley e lo spirito dell'e-learning

L'Università di Berkeley ha aperto un canale su Youtube !

È un modello di e-learning che francamente mi piace:
- niente orari fissi
- nessuna registrazione o login
- gratis (anche se, a dire il vero, per seguire le lezioni di un'Università come Berkeley, qualche euro al mese o all'anno lo spenderei volentieri)

Le lezioni presenti sul canale sono circa 300.

Mi sembra un'ottima occasione per seguire qualche talk interessante nei ritagli di tempo. Ci ho infilato il naso un attimo ed ho potuto vedere che, oltre ad una grande quantità di lezioni "classiche" ci sono anche interventi esterni (ho notato Sergey Brinn).

È anche un modo sconvolgente di usare la rete come strumento di diffusione di conoscenza.

Definitivamente una bella cosa

Mediaset v. Betamax?

[via Punto Informatico]

E si ritorna al fantastico 1984: Mediaset ha diffidato Vcast, sostanzialmente un videoregistratore in remoto, dal registrare le sue trasmissioni.....

Si badi bene, Vcast non è p2p, non fomenta la condivisione, è solo un VCR remoto, peraltro limitato temporalmente a 3 ore di registrazione per volta, le cui registrazioni può scaricare solo un utente: quello che le ha decise.

Siamo quindi di nuovo alla famosa sentenza "Sony Betamax", con cui la Corte Suprema Americana sanciva l'irresponsabilità del fornitore dell'apparecchio (la Sony) per l'uso che ne facevano i compratori: sebbene io non sia affatto sicuro che la giurisprudenza italiana si sia pronunciata similmente in materia, Mediaset sta tentando di sfruttare l'isterico clima creatosi intorno alla proprietà intellettuale per ribaltare ciò che è consolidato da anni ed anni di diritto, perlomeno estero.

C'è anche una petizione on-line per protestare contro la diffida di Mediaset; purtroppo per firmarla (è su Firmiamo.it) si è obbligati a deve accettare la seguente clausola:

Vi autorizzo al trattamento dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di società esterne.

Userò il mio indirizzo di posta su Virgilio che tanto è già impestato......

mercoledì 10 ottobre 2007

I'm 76% evil....good!

Che ci devo fare, mi piacciono queste piccole boiate




You Are 76% Evil



You are very evil. And you're too evil to care.

Those who love you probably also fear you. A lot.

Dilbert

Dilbert strip

Twitter!

Mi sono iscritto a Twitter!

Anche se mi sfugge il senso mi ci sono iscritto per vedere di che si tratta e perchè la gente ci esce pazza.......Sarà l'ubiquità?

martedì 9 ottobre 2007

The meaning of FUD

Groklaw riporta un discorso tenuto dal solito Ballmer a proposito delle solite pretese di mamma Micro$oft sulle presunte violazioni di tecnologie brevettate da parte (questa volta) di Red Hat Linux



Storia vecchia (Fear, Uncertainty, Doubt), anche se, leggendo fra le righe, come nota peraltro Groklaw, si può leggere la strategia Micro$oft per abbattere Linux e più in generale il FOSS nel lungo periodo: lunghe e costosissime cause legali (come a dire: a SCO mancavano solo i soldi per portare avanti la cosa abbastanza a lungo) fino a causare bancarotte a catena.
Cito Ballmer:
I would love to see all Open Source innovation happen on top of Windows. So we've done a lot to encourage, for example, the team building, PHP, the team building, many of the other Open Source components, I'd love to see those sorts of innovations proceed very successfully on top of Windows.

Povero illuso

Capitol et al. v. Thomas


da ArsTechnica:

Jammie Thomas, condannata al pagamento di poco più di 220.000$ per la condivisione di 24 files ha deciso di ricorrere in appello; solidarizzo con lei e le auguro sinceramente di vincere, ma temo che possa diventare il primo agnello sacrificato sull'altare delle lobby discografiche e cinematografiche.

Sigh....

Jammie, I sincerely wish you to beat the RIAA

mercoledì 3 ottobre 2007

È nata Boing Boing Tv

Linko con grande piacere il nuovo nato di casa Boing Boing, un gran blog

http://tv.boingboing.net/

martedì 2 ottobre 2007

HOW-TO : DVB-T USB Pinnacle e (K)ubuntu

Riporto qui una versione riveduta e corretta delle indicazioni dell'utente renegate sul forum di SuseItalia.org per l'installazione e configurazione della scheda DVB USB della Pinnacle (la guida originale era per la Suse 10.2 con kernel 2.6.19, riveduta e provata da me su Kubuntu 7.04 con kernel 2.6.20):

PRELIMINARI

È necessario avere installato i sorgenti del kernel, preferibilmente la versione 2.6.20
Conviene preparare una cartella su /usr/src per l'installazione.
Il dispositivo va pluggato solo quando indicato esplicitamente in questa guida.

Scaricate i sorgenti v4l (Video4Linux):

http://mcentral.de/hg/~mrec/v4l-dvb-kernel/archive/
10528ad351bd.zip


estraete l'archivio, spostatevi nella cartella appena creata ( ../v4l-dvb-kernel ), compilate e installate

make
sudo make install

Se non ci sono errori si procede con il download del firmware.

Dovrebbe esserci già il firmware di molte schede tv da scaricare dal seguente sito:
http://konstantin.filtschew.de/v4l-firmware/
per le schede pinnacle dovrebbe andare bene la versione 3.

Scompattate il contenuto nella cartella
/lib/firmware/'uname -r'


[metodo alternativo] Personalmente ho estratto il firmware direttamente dal driver per Windows presente sul CD del dispositivo emBDA.sys

(Per fare questo bisogna andare nella cartella ../v4l-dvb-kernel/v4l_experimental/xc3028
copiarci dentro il file emBDA.sys
e quindi compilare)

gcc convert.c -o convert
sudo ./convert emBDA.sys >
/lib/firmware/'uname -r'/xceive_xc_3028.fw

[/metodo alternativo]

quindi riavviate il pc

CONFIGURAZIONE

A questo punto bisogna configurare il tutto

Al riavvio, con scheda scollegata:
sudo modprobe em28xx card=48
sudo modprobe em2880-dvb


Attenzione, la mia scheda è una pinnacle usb2 quindi
card=48
Cambiate questo valore da questo elenco:

m28xx #0: card=0 -> Generic EM2800 video grabber
em28xx #0: card=1 -> Generic EM2820 video grabber
em28xx #0: card=2 -> Generic EM2821 video grabber
em28xx #0: card=3 -> Generic EM2870 video grabber
em28xx #0: card=4 -> Generic EM2881 video grabber
em28xx #0: card=5 -> Generic EM2860 video grabber
em28xx #0: card=6 -> Generic EM2861 video grabber
em28xx #0: card=7 -> Terratec Cinergy 250 USB
em28xx #0: card=8 -> Pinnacle PCTV USB 2
em28xx #0: card=9 -> Hauppauge WinTV USB 2
em28xx #0: card=10 -> MSI VOX USB 2.0
em28xx #0: card=11 -> Terratec Cinergy 200 USB
em28xx #0: card=12 -> Leadtek Winfast USB II
em28xx #0: card=13 -> Kworld USB2800
em28xx #0: card=14 -> Pinnacle Dazzle DVC 90
em28xx #0: card=15 -> Hauppauge WinTV HVR 900
em28xx #0: card=16 -> Terratec Hybrid XS
em28xx #0: card=17 -> Terratec Hybrid XS Secam
em28xx #0: card=18 -> Kworld PVR TV 2800 RF
em28xx #0: card=19 -> Terratec Prodigy XS
em28xx #0: card=20 -> Videology 20K14XUSB USB2.0
em28xx #0: card=21 -> Usbgear VD204v9
em28xx #0: card=22 -> Terratec Cinergy T XS
em28xx #0: card=23 -> Pinnacle PCTV DVB-T
em28xx #0: card=24 -> DNT DA2 Hybrid
em28xx #0: card=25 -> Pinnacle Hybrid Pro
em28xx #0: card=26 -> Hercules Smart TV USB 2.0
em28xx #0: card=27 -> Compro, VideoMate U3
em28xx #0: card=28 -> KWorld DVB-T 310U
em28xx #0: card=29 -> SIIG AVTuner-PVR/Prolink PlayTV USB 2.0
em28xx #0: card=30 -> Terratec Cinergy T XS (MT2060)
em28xx #0: card=31 -> MSI DigiVox A/D
em28xx #0: card=32 -> D-Link DUB-T210 TV Tuner
em28xx #0: card=33 -> Gadmei UTV310
em28xx #0: card=34 -> Kworld 355 U DVB-T
em28xx #0: card=35 -> Supercomp USB 2.0 TV
em28xx #0: card=36 -> Hauppauge WinTV HVR Rev. 1.2
em28xx #0: card=37 -> Gadmei UTV330
em28xx #0: card=38 -> V-Gear PocketTV
em28xx #0: card=39 -> Kworld 350 U DVB-T
em28xx #0: card=40 -> Terratec Hybrid XS (em2882)
em28xx #0: card=41 -> Pinnacle Dazzle DVC 100
em28xx #0: card=42 -> Generic EM2750 video grabber
em28xx #0: card=43 -> Yakumo MovieMixer
em28xx #0: card=44 -> Huaqi DLCW-130
em28xx #0: card=45 -> Generic EM2883 video grabber
em28xx #0: card=46 -> Hauppauge WinTV HVR 950
em28xx #0: card=47 -> Pinnacle PCTV HD Pro
em28xx #0: card=48 -> Pinnacle Hybrid Pro (2)
em28xx #0: card=49 -> Hauppauge WinTV USB 2 (R2)
em28xx #0: card=50 -> NetGMBH Cam
em28xx #0: card=51 -> Leadtek Winfast USB II Deluxe
em28xx #0: card=52 -> MSI DigiVox A/D


Riavviate il PC con la scheda tv usb inserita.

Finito il bootstrap togliete la scheda USB e date i seguenti comandi
sudo rmmod em2880-dvb
sudo rmmod em28xx


Sempre a scheda scollegata date i comandi (questo ulteriore passaggio è necessario per la scheda pinnacle usb e per caricare il modulo del kernel per l'audio)
sudo modprobe em28xx device_mode=1
sudo modprobe em2880-dvb
sudo modprobe em28xx-audio

Quindi inserite la scheda DVB USB.

(Questi ultimi tre comandi andrebbero dati ad ogni riavvio, per caricare i moduli nel kernel.
È comunque possibile inserirli all'avvio aggiungendo nel file
/etc/modules
le seguenti tre righe

em28xx device_mode=1
em2880-dvb
em28xx-audio
)
A questo punto la scheda tv usb dovrebbe essere pronta, facciamo qualche verifica:

VERIFICA 1 - CONTROLLO DEI MESSAGGI DEL KERNEL

dmesg|grep em28

se tutto va bene dovremmo vedere una cosa del genere
tuner 1-0061: chip found @ 0xc2 (em28xx #0)
em28xx #0: V4L2 VBI device registered as /dev/vbi0
em28xx #0: V4L2 device registered as /dev/video0
em2880-dvb.c: DVB Init
DVB: registering new adapter (em2880 DVB-T).
em28xx #0: Found Pinnacle Hybrid Pro
em28xx audio device (eb1a:2881): interface 1, class 1
em28xx audio device (eb1a:2881): interface 2, class 1
em28xx-video.c: Switching device from DVB-T to analogue mode


VERIFICA 2 - STATO DEI DISPOSITIVI AUDIO

cat /proc/asound/cards

se tutto va bene dovremmo vedere una cosa del genere
0 [I82801DBICH4 ]: ICH4 - Intel 82801DB-ICH4
Intel 82801DB-ICH4 with unknown codec at 0xe0100c00, irq 10
1 [Video ]: USB-Audio - USB 2881 Video
USB 2881 Video at usb-0000:00:1d.7-4, high speed


VERIFICA 3 - CONTROLLO SUI MODULI INSTALLATI NEL KERNEL

lsmod|grep em28

se tutto va bene dovremmo vedere una cosa del genere



TEST

Per testare la scheda tv con il digitale terrestre ho usato Kaffeine.
Dovrebbe essere abbastanza semplice per la configurazione perchè quasi automatica. Con questo programma funzionano sia audio che video.
Leggo però in giro per la rete che potrebbe trovare meno canali di altri programmi, rendendo necessaria la creazione di un file di configurazione tramite l'utility
scan

parte delle dvb-utils
sudo apt-get install dvb-utils


Per la creazione del file channels.conf rinvio al blog http://divilinux.wordpress.com/2007/08/03/mplayer-dvb/

Per convertire channels.conf nel formato di Kaffeine (che purtroppo ha problemi nella ricerca canali, fermandosi al primo MUX trovato), invece, occorre visitare il sito http://lab.infodatei.de/conf2dvb/ ed incollare il contenuto del proprio channels.conf nella casella di testo.

Personalmente ho avuto successo solo quando ho inserito il risultato nel file
/home/nome_utente/.kde/share/apps/kaffeine/channels.db

ed effettuato la ricerca canali (con esito disordinato ma funzionante)

In posizione ottimale, con la scarsa antennina in dotazione, riesco a prendere nitidamente quasi tutti i canali, tranne il MUX Mediaset 2 (spero che un'antenna migliore mi aiuti con questo punto)

Per vedere i canali con Xine, Mplayer o VLC occorre mettere channels.conf nella cartella nascosta del programma in questione
/home/nome_utente/.nome_programma

(p.es. home/foo/.mplayer), e dare il comando da terminale
nomeprogramma dvb://nomecanale

dove il nome del canale è uguale alle prime parole per ogni riga di channels.conf

Per tutti i programmi che non supportano l'audio usb dovete reindirizzare l'uscita dell'audio usb su quella della scheda audio con l'utility sox
sudo apt-get install sox

poi:
sox -r 48000 -w -c 2 -t ossdsp /dev/dsp1 -t ossdsp /dev/dsp


N.B. si consiglia vivamente l'utilizzo di antenna condominiale o comunque diversa da quella fornita in dotazione: la ricezione è possibile solo in esterni, con qualità del segnale non eccelsa, numero di canali limitato e SNR alto (superiore al 60%)

sabato 29 settembre 2007

Digital Divide

Spesso e volentieri mi rendo conto di quanto la cultura digitale sia arretrata in questo paese, ma talvolta la realtà supera ogni mia pessimistica impressione.

Da quando uso assiduamente RSS compro molto meno i giornali, ma ogni tanto, per leggere l'opinione di questo o quell'articolista, o per avere qualcosa da leggere - diciamo - in ritirata, torno a devolvere quell'obolo al mercato della carta stampata.

Da Repubblica di oggi due cose che mi hanno dato il metro dell'"arretratezza digitale" che affligge il nosto paese:

1. Pagina 4, a corredo del dossier sulla Manovra 2007, e sottolineo 2007, un non-box in alto a destra (sotto un'immagine circolare) informa il lettore della circostanza che
"Il governo rilancia anche l'utilizzo delle e-mail per la comunicazione al posto della carta".
Solo adesso? Andiamo bene.
Sigh.

2. Solo 3 pagine più avanti, a pagina sette, pubblicità del numero dell'Espresso oggi (credo) in edicola; copertina dedicata a Beppe Grillo. "Internet. Sesto Potere", sottotitolo "Prima la TV ora la Rete. Dopo il caso Grillo il Web sotto processo. È democratico o è un nuovo grande fratello?"
Ma siamo nel 2007! All'estero le più grandi penne ed una folta comunità di intellettuali sono titolari di blog noti e trafficati, le reti civiche sono strumenti di governo diretto del territorio, ed i dissidenti hanno modo di esprimersi con costi molto bassi, attuando, di fatto, una forma di democrazia diretta molto interessante; e da noi si dibatte se sia un nuovo Grande Fratello? Ma poi che c'entra il tema della sorveglianza continua con il tema della democrazia diretta? Ho l'impressione che si tenda ad accomunare fatti non relazionati per il solo fatto che accadono in Internet. Leggo l'articolo on line e vedo di capirci qualcosa.....

Ah, e se qualcuno, a parte me, legge questo blog, i commenti sono ben accetti

EDIT: Ok, ho letto l'articolo a firma di Alessandro Gilioli. Il tema Grande Fratello non si riferisce alla sorveglianza, quanto piuttosto alla persuasione occulta e all'impoverimento dei messaggi (errore mio): partendo dallo stringato video con cui Hillary Clinton ha dato il via alla sua campagna sul web per le primarie, Gilioli inizia un parallelismo con Grillo che, mi spiace dirlo, non sta affatto in piedi. Il successo di Grillo non dipende affatto dall'uso di toni forti e del "Vaffanculo nella politica" tanto per citare l'articolo, nè dall'impoverimento dei messaggi, ma proprio dall'approfondimento su certi temi scomodi o controversi che i media tradizionali, per paura o per mancanza di interesse diretto, non coprono affatto. Il successo di piazza di Grillo, viceversa, come evidenziato, fra gli altri, da Paolo Valdemarin e da Massimo Mantellini sui loro blog, dipende invece da un passaparola che con Internet c'entra meno di quel che sembri: di quelli che sono scesi in piazza, solo una piccola parte erano frequentatori del blog, gli altri, come si dice, ne hanno solo sentito parlare.
A ciò si aggiunge la consapevolezza di certi meccanismi virali tipici del mezzo dello staff del comico genovese, che è sfociata in azioni su Flickr e Youtube che hanno fatto da cassa di risonanza dell'iniziativa V-Day.



Nota per il prossimo futuro: dare una lettura a 'Impigliati nella Rete' del docente di marketing Paolo Landi citato nell'articolo di Gilioli

mercoledì 26 settembre 2007

Interaction Design, finalmente

Questo è il tipo di "invenzioni" che mi affascinano di più.
Qui si cerca di ridefinire il modo in cui percepiamo mondo e tecnologia.

[futurefeeder.com]


Un altro
dei miei preferiti

Finalmente

Ahahahahaaaarrrrghhhhhh

Finalmente qualcuno l'ha detto !!!!!!!!!!!

Una cosa e’ sicura: Grillo e’ una persona che ha voluto cambiare idea. E questo e’ positivo.

[www.vitadiunsysadmin.net]

martedì 25 settembre 2007

De Biase

Stimo sempre di più quest'uomo.........

Il Grillo e il Virus

Dal Blog di Paolo Valdemarin di eVectors

Sul piano della comunicazione, guardando i numeri è evidente che non è un blog a fare la differenza. Quello che cambia è la forma virale attraverso cui circolano le idee, il fatto che ci fidiamo molto di più delle persone che della pubblicità o della comunicazione istituzionale. Stando a quei numeri e considerando la scarsa copertura mediatica del V-Day, un sacco di gente è scesa in piazza quel giorno non perché avesse visitato il blog di Grillo, ma perché influenzati da altre persone a loro volta influenzate da persone grazie ad una reazione a catena messa in movimento da un blog e una "minoranza rumorosa".

Interessante...

Mele e vermi

Da Arstechnica

Apple said today that a firmware update to the iPhone due to be released later this week "will likely result" in SIM-unlocked iPhones turning into very expensive bricks.

Uhuhuhuh

Tempo e cervello

Vorrei avere tempo, voglia e cervello per aggiornare questo blog più spesso.....tendo un pò troppo a "staccare" la sera..........
Appena avrò traslocato (e quindi avrò una connessione diversa dall'UMTS) mi riprometto di essere più assiduo (sigh, ancora buoni propositi)



Il talismano di Dogbert mi aiuterà (?)

lunedì 17 settembre 2007

My Body is Producing 243 Watts!

243 WATTS Body Battery Calculator - Find Out How Much Electricity Your Body is Producing

Completely Free Personals from JustSayHi



My Body is Producing 243 Watts!
This is 22% MORE wattage than the average person

* I could light up 2 light bulbs
* I could power 61 iPods
* I could power 1 Xbox 360
* 4 of me would be needed to keep a refrigerator running

locked iPod update

ancora da Arstechnica, le parole di uno degli sviluppatori di una delle implementazioni open-source di Apple ZeroConf per Linux, Lennart Poettering:

Although Apple's iPod lock-in attempt has been thwarted today, Poettering reminds us that it might not be possible to thwart in the future. Apple's willingness to make these kinds of changes to the database format should be taken as a warning that unsupported third-party compatibility options may not be viable in the long term. Although Apple may not be attempting to block third-party native iPhone app hacks with firmware updates, for instance, the company could easily attempt to do so in the future if they felt that the third-party software ecosystem was a threat to their control. Developers shouldn't assume that Apple's leniency now will continue. In fact, if history is any evidence—with the iPods, DAAP, and ROAP—it is likely that iPhones will be locked back down again too at some point in the future.

sabato 15 settembre 2007

God bless this mess

Grillo e la realtà dei fatti

Mi piace molto come ragiona quest'uomo.
Ho avuto modo di conoscere De Biase di recente ed è una persona decisamente in gamba.
L'analisi politica sull'evoluzione dei partiti (da repubblica a democrazia) nel post linkato mi sembra lucidissima; solo un appunto: non mi sembra che Grillo sia lontano dalla realtà perchè combatte un sistema partitico che non c'è più. Piuttosto sono i partiti che, nella ricerca affannosa di voti, si sono distaccati dalla realtà della vita delle persone per diventare pura immagine. Effetto-Silvio?

Ci hanno propinato la fine delle ideologie come una cosa positiva, cosicchè i partiti hanno annullato la loro dialettica interna a favore di divismi e personalismi. Sigh

Questo non mi convincerà di certo a passare all'iPod



iPod, Defective by design

Pare che gli utenti Linux possessori di iPod avranno qualche problemuccio....

Questa gente ha ragione --------> http://www.defectivebydesign.org/

Edit ----------> Pericolo scampato....per ora.......meno male che al mondo c'è la comunità, e della brava gente a cui le ingiustizie non vanno giù (o ci tiene parecchio a caricare la musica sull'iPod con Linux)

mercoledì 25 luglio 2007

lunedì 23 luglio 2007

Cyber Lions!!!



Anche quest'anno è il momento dei Leoni di Cannes!!! (con un pò di ritardo)

Link

Ci sono un pò di siti carini.....Non l'ho ancora guardato per bene, ma a occhio e croce hanno spopolato gli Alternate Reality Games basati su minisiti. Premiato anche il sito della Dove con il video della tipa trasformata in bonazza con Photoshop

mercoledì 18 luglio 2007

Uff....anche Firefox......

Firefox 2 è pieno di bug e gestisce la memoria da cani (almeno su (K)Ubuntu), è innegabile



...... e io ne ho piene le "tasche"

domenica 1 luglio 2007

iPhone is born!

Da BoingBoing il giudizio più lucido e obiettivo sull'iPhone che ho potuto leggere

So, fine, this is a first-generation product with room to grow. But what a 1.0!

martedì 5 giugno 2007

Bolle Aliene

Affascinante ed incredibile.......

Credo non si possa dire altro della Distilleria Nardini, progettata da Massimiliano Fuksas.....




Warning / Disclaimer: le foto non sono mie, non le ho fatte io, e non so di chi siano. Quindi non riutilizzatele per favore.
Per gli autori delle foto: contattatemi nel caso ne desideriate la rimozione

giovedì 31 maggio 2007

Comunicato stampa

Riporto anche il comunicato stampa......

Comunicato Stampa del 28/05/2007

I padri fondatori del software libero alla Sapienza.
Lectio Magistralis di Bruce Perens e Richard Stallman all’Università di Roma

Presso la cattedra di Comunicazione mediata dal computer della facoltà di Scienze della Comunicazione alla Sapienza di Roma, professore Arturo Di Corinto, il giorno 7 giugno alle ore 9:30, Richard Stallman, il fondatore del movimento del Free Software e Bruce Perens, il padre dell’Open Source, terranno una lezione magistrale sull’etica e la pratica del software libero.

L’evento, in collaborazione con la Free Software Foundation Europe, l’Associazione per il Software Libero, il Linux User Group della Sapienza, Wikimedia Italia, sarà l’occasione per discutere con studenti, esperti e appassionati, per ascoltare dalla voce dei suoi protagonisti la storia e l’evoluzione del free, open source software, concetti e pratiche che negli ultimi anni hanno influenzato tutto il comparto delle tecnologie basate sul software e trasformato radicalmente la percezione dell’informatica presso il general public, offrendosi come antagonisti ai grandi produttori di software non libero come Microsoft.

Durante la giornata, in cui si discuteranno le differenze fra il software libero e il software proprietario, gli avanzamenti tecnici e legali delle licenze con cui viene distribuito, e anche gli aggiornamenti alle dispute relative ai brevetti degli algoritmi matematici che ne sono alla base, le associazioni presenti terranno degli stand informativi sulle loro attività e l’Associazione per il Software Libero presenterà uno studio sulla necessità della diffusione del software libero in Italia.

Per l’occasione saranno presenti l’assessore regionale alla Cultura, Sport e Spettacolo del Lazio, on. Giulia Rodano, il presidente della Commissione Cultura della Camera dei Deputati, on. Pietro Folena e l’Assessore alle politiche culturali, della comunicazione e dei sistemi informativi della provincia di Roma, on. Vincenzo Vita.

Dopo un breve saluto delle istituzioni, Richard Stallman avvierà la sua lezione che terminerà con una sessione di domande e risposte da parte del pubblico. In seguito, secondo lo stesso schema, anche Bruce Perens terrà la sua lezione magistrale. Al termine della lezione le associazioni si presenteranno, dichiarando le loro finalità.

L’evento, gratuito e aperto al pubblico, avrà luogo giovedì 7 giugno dalle 9:30 alle 13:30 presso l’Aula Magna della Caserma Sani in via Via Principe Amedeo, 184. Il luogo è raggiungibile a piedi dalla Stazione Termini oppure dalla fermata della Metropolitana di Piazza Vittorio Emanuele.

Negli spazi del convegno sarà allestita, fino alle ore 18: 30, la mostra Il segno della pace, 140 artisti contro la guerra, per la nonviolenza. La mostra internazionale, che include opere di Winston Smith, Emek, Sten, Molder e altri, è curata da John Carr e Marco Delli Santi, ed è offerta dalla galleria d’arte Love and Dissent di Roma.

Altre informazioni:
www.dicorinto.it

Riferimenti:
http://fsfe.org/
http://softwarelibero.it/node
http://it.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Wikimedia_Italia
http://www.ls-lug.org
http://www.loveanddissent.com

Stallman e Perens a Roma

venerdì 25 maggio 2007

Fiato alle danze....... Hello World!

Sorge dalle ceneri di un blogghetto aziendale mai nato, questo spazio personale.

Il suo titolo pare riferirsi a quell'onda di entusiasmo che oggi pervade il Web, l'isteria di affibiare un numero di versione a qualunque cosa, nell'ingannevole tentativo di rigonfiare quella bolla che negli anni'90 aveva distrutto ogni illusione commerciale sul fenomeno Internet. New Economy 2.0?
Il riferimento vuole essere più che altro ironico e critico: l'esigenza di dare nomi ed etichette per meglio suddividere fenomeni è sentita solo da parte di chi in questi fenomeni vede solo un'occasione di business.

A ben guardare la continuità con il Web delle origini è assoluta: il Web 2.0 come idea di una rete mondiale basata su un'utenza attiva nella generazione di contenuti ed idee si rifà esplicitamente non solo alle prime teorizzazioni sul mondo digitale concepito reticolarmente, ma anche ai primi Social Networks propriamente detti, tra cui Geocities. La metafora dello spazio urbano realizzata da quel portale, poi abbandonata, celava un'approccio all'"essere in rete" molto blog-like: sembra, anzi, che l'unica differenza tra quell'atteggiamento e quello odierno sia la disponibilità di strumenti abbastanza semplici da permettere a chiunque di avere una propria "presenza digitale".

Duepuntozero ha un significato anche abbastanza personale: fra mille convulsioni la mia vita pare finalmente diretta ad una nuova stagione, se non proprio di certezze, perlomeno di relativa stabilità.
E' l'occasione per un vero e proprio Vito2.0, non tanto per quel che riguarda vizi ed abitudini (mai sia...), ma per un nuovo atteggiamento critico e produttivo, meno dadaista e quindi più costruttivo, nei confronti della realtà.

In fin di delirio, quindi, questo spazio sarà un mostro a due teste, da un lato vero e proprio weblog, diario personale su quanto mi accade intorno quotidianamente, dall'altro uno spazio di riflessione (e spero, in futuro, di discussione) su temi a me molto cari: tecnologie, interfacce, il fantastico mondo dell'IT e dell'innovazione, e, last but not least, un pò di sana e vecchia polemica politica

Bene, assolta l'incombenza della dichiarazione programmatica, si va a cominciare.....

unHandledException